Home

Cosa succede se ami i libri più di ogni cosa al mondo?

Questa è la storia di una libraia: aneddoti, incontri, scoperte incredibili. Ma tutto molto umano, per fortuna.

“I libri di seconda mano sono libri selvaggi, libri senza casa; si sono riuniti in vasti stormi di piume variegate e hanno un fascino che manca ai volumi addomesticati della biblioteca “.

Virginia Woolf

COSA SUCCEDE AD UNA LIBRAIA FELICE QUANDO VA IN UN SUPER-MEGA CENTRO COMMERCIALE?

Ieri sono stata a Porta di Roma, il grande-super-mega centro commerciale. Dovevo acquistare scarpe e zainetti per 13 bambini provenienti dal Saharawi, e considerando la quantità ho detto “meglio farlo in un negozio come Decathlon”.

A parte il fatto che ho sbagliato strada due volte (ho rischiato di finire a Orte 😂😂), che c’ho messo venti minuti per trovare il parcheggio interno, che in ascensore spingevo ripetutamente il simbolo del piano e non il pulsante per salire (ma perchè li fanno così complicati?), alla fine ce l’ho fatta: le porte si sono aperte e sono sbarcata nel “paradiso dello shopping”.

Una papera spersa, ecco come mi sono sentita.

Navigavo tra decine decine e decine di persone, ho riempito il carrello, ho pagato, ho preso i miei due borsoni e sono scappata nell’ascensore di cui sopra. E quando si sono chiuse le porte che mi hanno portato via da quel posto fatto di zumpetezumpete (la musica), le luci, la folla, i bambini che urlano e le mamme che strillano e i papà che aspettano fuori da Bata e tutto il resto, ho fatto ohhhhhhhhhhh.

Ora rifletto, e lo so che facendolo mi manifesto vecchia, molto vecchia ma anche no. Ma perchè c’è tanta gente che passa il proprio tempo tutta là dentro? i negozi in cui ho buttato lo sguardo correndo mi sembravano vuoti. E perchè questa necessità di rumore assordante? e la bellezza del silenzio, vuoi mettere? e a queste conclusioni ci si arriva solo con il trascorrere degli anni?